Malesia: le dinamiche di un mercato in forte crescita

malaysiaLa Malesia è un Paese di 30 milioni di abitanti, a base musulmana, che rappresenta sicuramente un mercato interessante per le nostre aziende. Sebbene la religione professata da più del 60% della popolazione presupponga uno scarso consumo di vino, ci sono forti ragioni che lasciano pensare il contrario: innanzitutto dobbiamo notare che gran parte della popolazione musulmana, almeno la metà, appartiene ad una fascia di reddito che non potrebbe permettersi di acquistare una bottiglia di vino e, tra quelli che possono permetterselo, alcuni non sono così ligi ai dettami che tale religione impone. Il resto della popolazione è in gran parte di etnia cinese, con un ottimo potere di acquisto, forte è anche la presenza di indiani ed occidentali. Aggiungendo a questi dati anche l’importante indotto assicurato dal turismo, per lo più europei e cinesi, ci renderemo conto che la Malesia può diventare un mercato davvero appetibile.

petronas malesia 1024x300

La moneta locale è il Ringitt che momentaneamente ha con l’euro un rapporto di 5:1, il costo della vita è ancora molto basso e l’impronta cinese è davvero molto forte. La capitale, Kuala Lumpur, rappresenta il centro nevralgico del Paese e lo specchio della forte crescita degli ultimi decenni.

Gli importatori di vino – non più di una trentina quelli più solidi e con una buon quantitativo di vino importato annualmente – hanno per lo più nel proprio portfolio vini da Australia, Nuova Zelanda, Chile, Argentina e Francia, con l’Italia ancora scarsamente presente. L’Italia del vino è per lo più rappresentata da grandi brand che propongono i loro vini di punta nella fascia premium e soddisfano le richieste nelle fasce di prezzo inferiori con prodotti commerciali, creati ad hoc e di prezzo. I supermercati sono un chiaro esempio di tale tendenza, mentre nelle enoteche e wine shop poco spazio è dedicato al vino italiano e spesso solo con gli stessi brand prestigiosi. In molti casi, nei ristoranti di Kuala Lumpur, il nostro vino è proprio totalmente assente dalle loro carte.

Avenue-K-Centro-Commerciale-Kuala-Lumpur-Malesia

Le ragioni di tale scarso risultato dei nostri vini sono le stesse che annotiamo anche in molti altri Paesi poco lontani quali Indonesia, Vietnam e Filippine: mancanza di strategia da parte del sistema vino Italia, aiuto dalle istituzioni italiane nel Paese totalmente assente e scarsi risultati nei tentativi di promozione di singole aziende spesso non adeguatamente preparate per affrontare mercati di questo tipo. Cosa invece riescono a mettere sul campo i nostri competitors? Se per alcuni di essi la vicinanza geografica è un aiuto importante (Australia e Nuova Zelanda), gli altri – ed in primis i francesi – riescono a muoversi compatti e uniti, attirando l’attenzione e suscitando curiosità; se a questo aggiungiamo il grande lavoro sul piano del marketing che ha come effetto più importante il riuscire a far lievitare i prezzi, avremo così un quadro preciso di quello che sta accadendo oggi.

 

 

Annunci