Uno sguardo sul mondo

Dioniso Bacco CaravaggioIl comparto vitivinicolo ha subito, dagli anni ’90 ad oggi, cambiamenti consistenti sotto il profilo della produzione e del consumo: per quanto riguarda la produzione, si assiste ad un’alta competitività di nuovi paesi produttori che si sono inseriti, con numeri importanti, in tutte le statistiche commerciali rilevanti a livello mondiale, avendo campo fertile soprattutto là dove si trovano i nuovi grandi sbocchi per il vino: Nuova Zelanda, Australia, USA, Cile, Argentina, Sud Africa (solo per citarne alcune) rendono appetibili i loro prodotti grazie all’ottimo rapporto qualità-prezzo. 

Dal punto di vista del consumo, vi è stata una riduzione del peso commerciale degli stati europei attraverso un processo di internazionalizzazione dei flussi commerciali verso paesi che stanno lasciando un segno importante nell’economia mondiale e che stanno iniziando ad apprezzare il vino: vengono subito in mente i famosi “BRICS”, Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa, ma si potrebbe dire anche Vietnam, Myanmar, Thailandia, per evidenziare come il continente asiatico sia il più promettente, a livello di numeri, nel lungo termine. 

Contestualmente alla nascita e crescita di questi nuovi mercati, i dati statistici ci indicano un calo importante di consumi negli storici paesi produttori come Italia -27%, Francia -12% e Spagna -34% (dati estratti dal rapporto statistico 2013 della “OIV”, Organizzazione Internazionale della Vigna e del Vino) ed una forte tendenza a livello mondiale in flussi di mercato con minor volumi e maggior valore, causati soprattutto da avverse condizioni climatiche e da una sensibile riduzione della superficie vitata.

Outsourcing

Inoltre, negli ultimi trent’anni, si è creata un’arena competitiva complessa, in cui troviamo varie tipologie d’imprese: abbiamo imprese vinicole di grande, media e piccola o piccolissima dimensione che lottano corpo a corpo tra di loro e con le grandi multinazionali delle bevande per aggiudicarsi fette sempre più consistenti di mercato. 

In tale scenario, diversificate sono anche le strategie di identificazione dei prodotti. Non solo vini di marca, ma anche vini con forte connotazione territoriale, vini biodinamici e biologici.

dsc_3730

Caratteristica importante del moderno mercato del vino è la ricerca di nuovi assetti organizzativi per quanto riguarda il raccordo tra produzione e distribuzione commerciale, specialmente in quei paesi con problemi di logistica distributiva, dove un’attenta considerazione di tale problematica può far la differenza tra una strategia commerciale di successo o meno. Ecco dunque la nascita di società specializzate nella distribuzione, diversificate per grandezza e per tipologia di rapporto con le imprese di produzione.

Asia_-_Singapore_Pasir_Panjang_Terminal

Altro aspetto importante da valutare, come tendenza di medio-lungo periodo nel mercato mondiale del vino, è il peso specifico sempre più consistente dell’ “e-commerce” e dei cosiddetti “bloggers”.

Aspetto spesso poco curato e dove vi è totale impreparazione da parte delle imprese vinicole, internet, negli anni a venire, rappresenterà uno strumento fondamentale per la promozione del prodotto da proporre in un mercato. Sempre più persone nel mondo fanno acquisti su internet, specialmente nei citati paesi emergenti, e chi riuscirà a prepararsi meglio a questa nuova sfida avrà guadagnato terreno sui propri “competitors”.

Inoltre grande importanza acquisterà la citazione positiva di un proprio prodotto o della stessa azienda da parte dei “bloggers”, persone capaci con i loro “blogs” di influenzare positivamente o negativamente le scelte d’acquisto dei potenziali clienti del bene proposto.

Parallelamente a tale nuova inclinazione della promozione del vino, sempre meno decisivi e funzionali alle vendite diventeranno i classici canali della carta stampata e delle guide “off-line”.

1380745600_internet

Possiamo dunque capire, da questa breve analisi sistemica, come il mercato del vino abbia decisamente “cambiato pelle”; grandi e nuove opportunità attendono di essere colte, ma il segreto risiede nel come  e dove, il lavoro della ToscanWine Group.

Logo

Annunci