OCM Vino Paesi Terzi 2015: Calabria, 20% del fatturato come parametro di riferimento


downloadE’ uscito il Decreto n°5230 della Regione Calabria riguardante le specifiche del bando OCM Vino Paesi Terzi 2015. Il progetto che può essere portato a domanda potrà avere una durata massima di 3 anni e le domande dovranno pervenire entro e non le ore 14.00 del 29 giugno 2015. La Calabria non regola con specifici criteri di accesso la partecipazione al bando da parte di singoli produttori calabresi e si attiene in modo fedele al decreto quadro nazionale; inoltre prevede la possibilità che tali aziende possano partecipare a bandi multiregionali, aggiungendo che tali domande debbano essere presentate entro il 22 giugno 2015 presso la Regione individuata in relazione alla sede legale del proponente o del capofila dell’associazione di imprese costituita. Infine, relativamente alla fase di redazione del programma promozionale, viene fissato un limite massimo di spesa ed investimento ammissibile che non può superare il 20% del volume d’affari realizzato dal beneficiario con riferimento all’ultimo bilancio approvato.

Link esterni:

– Regione Calabria: Decreto n°5230

Annunci

OCM Vino Paesi Terzi 2015: Emilia Romagna, 100.000 € come limite minimo d’investimento

image_galleryE’ stata pubblicata la Deliberazione n°611 che regola la strutturazione del Bando OCM Vino Paesi Terzi 2015 nella Regione Emilia Romagna: i produttori che possono presentare la domanda dovranno aver confezionato almeno il 25% della propria produzione od imbottigliato almeno 600.000 bottiglie ed abbiano esportato almeno il 10% del totale prodotto in relazione alla quantità di vino venduta o sul fatturato; tali parametri sono calcolati sulla media degli ultimi 3 anni. In Emilia Romagna la spesa ammissibile non può essere superiore al 20% del volume di affari del beneficiario e per ogni Paese target l’investimento minimo ammissibile dovrà essere di almeno 100.000 €. Le domande dovranno pervenire entro e non oltre le ore 14.00 del 24 giugno 2015 ed il contributo massimo che verrà erogato alle aziende ammesse a contributo sarà pari al 50% delle spese ed investimenti necessari a svolgere il programma promozionale.

Link esterni:

– Regione Emilia Romagna: Deliberazione n°611

 

OCM Vino Paesi Terzi 2015: Trentino Alto Adige, chiusura ai progetti multiregionali

Stemma_Trentino_-_Südtirol.svgE’ stato pubblicato il Decreto n°6369/2015 circa il Bando OCM Vino Paesi Terzi 2015: la promozione ammissibile è limitata alle denominazioni di origine protette dei vini “Alto Adige” e “Caldaro” o “Lago di Caldaro” ed alle indicazioni geografiche dei vini “Weinberg Dolomiten” e “Mitterberg”. Il Bando si rivolge ad aziende vitivinicole con una produzione annua di oltre 750.000 bottiglie da 0,75 l, con denominazioni di origine protette dei vini “Alto Adige” e “Caldaro” o “Lago di Caldaro” ed un’esportazione di almeno 15% di tale prodotto. Il progetto potrà essere di durata massima pari a 3 anni, tuttavia, se necessario, esso può essere oggetto di un unico rinnovo, per un periodo non superiore a 2 anni. Si chiude alla possibilità di cofinanziare progetti multiregionali.

Link esterni:

– Regione Trentino Alto Adige: Decreto n°6369/2015

OCM Vino Paesi Terzi 2015: Campania, massima durata del progetto pari a 3 anni

download (1)E’ stato pubblicato il Decreto regionale n°72 della Regione Campania che stabilisce le misure attuative circa il Bando OCM Vino Paesi Terzi 2015: il progetto di promozione potrà avere una durata massima di 3 anni ed un valore minimo per Paese od Area target pari a 100.000 €. Le risorse a disposizione sono 1.941.932 € e sono destinati 200.000 € per il cofinanziamento di progetti multiregionali. Le aziende che intendono partecipare al Bando dovranno dichiarare di aver prodotto nell’annualità 2013/2014 o 2014/2015 almeno 200.000 bottiglie ed una percentuale di export pari al 5% del fatturato. I progetti dovranno esser presentati entro e non oltre le ore 20.00 del 7 luglio 2015.

Link esterni:

– Regione Campania: Decreto regionale n°72

OCM Vino Paesi Terzi 2015: Sicilia, limite minimo per progetto pari a 100.000 €

downloadE’ uscito il DDG n°2904 della Regione Sicilia riguardante le specifiche del bando OCM Vino Paesi Terzi 2015. I produttori siciliani che intendono partecipare dovranno aver confezionato almeno il 25% della propria produzione od imbottigliato almeno 25.000 bottiglie ed avere una percentuale export di almeno il 5% in riferimento all’annualità 2014-2015; con un budget a disposizione pari a 7.074.801 €, ogni progetto presentato deve essere del valore minimo di 100.000 € ed avrà un contributo a fondo perduto pari al 50% del valore del progetto. I progetti andranno presentati entro e non oltre le ore 14.00 del 19 giugno 2015 e non è consentita la consegna “brevi manu”, come determinato anche dal decreto nazionale n°35124 del 14/05/2015, ma solo a mezzo corriere espresso o raccomandata. La durata del progetto può essere al massimo di tre anni ed uno stesso beneficiario può proporre nuovi progetti per paesi terzi diversi. Dato che il decreto non presenta esplicita apertura o chiusura alla possibilità che la Regione possa cofinanziare progetti multiregionali, ci si dovrà rifare all’art.4 comma 5 del decreto nazionale n°35124 in cui si dice che “Le Regioni che non pubblichino propri Inviti possono avvalersi degli Inviti di altre Regioni, con le quali stipulano specifica convenzione, per presentare progetti multiregionali”.

Link esterni:

– Regione Sicilia: DDG n°2904 (scaricabile da elenco “comunicazioni”)

OCM Vino Paesi Terzi 2015: Friuli Venezia Giulia, apertura al multiregionale

friuli-venezia-giuliaE’ uscita la Delibera n°973 che regola l’attuazione del Bando OCM Vino Paesi Terzi 2015: si apre alla possibilità di cofinanziare progetti multiregionali, destinando un costo massimo per progetto pari a 4.000.000 € sia laddove fosse la Regione Friuli Venezia Giulia la capofila o meno. Sono destinati 300.000 € a progetti nei quali sia suddetta regione la capofila e 200.000 € laddove invece non lo sia. I progetti dovranno pervenire entro e non oltre le ore 12.30 del 23 giugno 2015. Non vi è specifica indicazione riguardo il limite minimo di 100.000 € per progetto, dunque dovremo fare riferimento al limite massimo per progetto stabilito dal decreto nazionale n°35124 del 14/05/2015 art.1 comma 1, in cui determina che la spesa massima ammissibile non debba superare il 20% del volume d’affari realizzato dal beneficiario.

Link esterni:

– Regione Friuli Venezia Giulia: Delibera n°973

Bando OCM Vino Paesi Terzi 2015: capitali a fondo perduto per l’export

ocmvino-logo-300x130Il Bando OCM Vino Paesi Terzi 2015-2016 è un’opportunità ed uno strumento importante per le Aziende vitivinicole italiane che offre la possibilità di ottenere un contributo europeo pari al 50% a fondo perduto per il processo di internazionalizzazione e vendita sui mercati esteri emergenti, nonché tutte le attività di comunicazione e promozione che copriranno il periodo ottobre 2015 – ottobre 2016.

L’Italia opera con bandi annuali emessi dal Ministero per le Politiche Agricole e da ogni Regione o Provincia Autonoma. Secondo le tempistiche degli anni passati, il decreto quadro a livello nazionale uscirà a fine febbraio – primi di marzo, mentre i decreti regionali verranno emessi dalle singole regioni per fine maggio – primi di giugno. Il periodo di presentazione delle domande coprirà il mese di giugno ed a fine luglio usciranno le graduatorie circa le aziende rientranti a contributo per ogni regione.

Ecco, in breve, riassunte le tipologie di spese ed investimenti ammissibili a contributo:

– TIPOLOGIA INVESTIMENTI AMMISSIBILI

a) la promozione e pubblicità, che mettano in rilievo i vantaggi dei prodotti di qualità, la sicurezza alimentare ed il rispetto dell’ambiente, da attuare a mezzo dei canali di informazione quali stampa e televisione;

b) le missioni commerciali all’estero;

c) la partecipazione a manifestazioni, fiere ed esposizioni internazionali;

d) campagne di informazione e promozione da attuarsi presso i punti vendita, la grande distribuzione, la ristorazione dei paesi terzi;

e) altri strumenti di comunicazione (ad es. siti internet, opuscoli, degustazioni guidate, incontri con operatori e/o giornalisti dei Paesi coinvolti).

– TIPOLOGIA DI SPESE AMMISSIBILI

Spese in capo al Proponente: in linea generale, sono consentite, nel limite massimo del 4% dei costi effettivi, le spese strettamente connesse alla gestione del progetto.

Monitoraggio dei risultati se effettuato da fornitori esterni per un limite massimo del 3% dei costi effettivi del progetto.

Prodotto utilizzato nell’ambito degli eventi promozionali: il costo per l’acquisto del prodotto è eleggibile nella misura massima del 20% del valore dell’azione svolta.

Realizzazione gadget, opuscoli tecnici e brochure, siti web dedicati. Sono eleggibili le seguenti categorie di spesa:

– Creazione grafica e progettazione (ammesse, in caso di progetti pluriennali, solo il primo anno di presentazione del progetto, salvo eventuali differenti necessità da indicare dettagliatamente nel progetto)

– Traduzione

– Produzione

Expertise consulenza di marketing: consulenza di marketing, pre-test di validazione di nuovi prodotti, focus group, panel. Il valore di tale azione non può eccedere il 20% del totale delle azioni.

Incontri con operatori e/o giornalisti dei Paesi terzi da svolgersi anche presso le imprese partecipanti ai progetti;

– Mezzi di trasporto dal Paese di origine ai luoghi di visita al costo effettivo

– Pernottamento max 120 per pax/notte e pasti max 80,00€ per pax/giorno

– Inviti a giornalisti e clienti.

Partecipazione a manifestazioni, eventi istituzionali, fiere ed esposizioni di importanza internazionale:

– Quota partecipazione

– Costo inserzione cataloghi

– Affitto e allestimento spazio espositivo

– Hostess

– Viaggi per personale aziendale (in classe economy)

– Vitto e alloggio

– Affitto materiale di supporto

– Prodotto

– Costi organizzativi di promozione dell’evento

– Costi Spedizione materiale promo pubblicitario e prodotto

– Partecipazione ad eventi di terzi

Promozione sui punti di vendita della GDO e degli specializzati:

– Pubblicità e pubblicità delle attività promozionali (inserimento comunicati, articoli…)

– Prodotto

– Testate di gondola

– Referenziamento prodotti

– Materiale promozionale di vendita,

– Opuscoli, gadgets

– Collarini illustrativi

– Bottiglie, manifesti, espositori, borse, beccucci, portachiavi, …

– Degustazioni In-store

– Costi di promozione dell’evento

Pubblicità e azioni di comunicazione:

– Pubblicità su stampa (quotidiana, settimanale, professionisti,specializzata…)

– Articoli pubbliredazionali

– Inserimento nel catalogo di un distributore o importatore

– Spot radio e TV

– Azioni di “Product placement”

– Annunci pubblicitari su internet

Azioni di pubbliche relazioni:

(Il valore di tale azione non può eccedere il 20% del totale delle azioni)

– Comunicati stampa

– Acquisto liste di indirizzi

– Consulenza, fornitori di animazione per gli eventi: da realizzare attraverso la stipula di un contratto che specifichi attività e carico di lavoro

– Costi organizzazione Incontri btb comprensivi di affitti sala e delle spese di ospitalità (viaggio, vitto e alloggio) per invitati

– Viaggi, vitto, alloggio per Pr manager e/o “Brand ambassador” incaricato dal beneficiario

Degustazioni guidate, wine tasting, gala dinner:

– Campagna di informazione / pubblicità

– Prodotto

– Informazioni ai media: comunicati, opuscoli, brochure

– Attrezzature da degustazione: calici, display, tovaglie etc

– Catering o ristorazione

– Affitto della sala o del sito

– Hostess

– Costi di promozione dell’evento


La ToscanWine Group, specializzata nella commercializzazione dei prodotti vitivinicoli a livello internazionale, offre la possibilità di redazione del bando e la gestione del progetto di investimento cofinanziato nel Paese target.

Per ogni ulteriore informazione, potete contattarci ai recapiti che troverete nella sezione “contatti”.