Shanghai ProWine China, 12-14 novembre 2014

 

prowinechina2014

Dal 12 al 14 Novembre si terrà la seconda edizione della Shanghai ProWine CHINA 2014, evento organizzato dalla Messe Düsseldorf (Shanghai) Co., Ltd, presso lo Shanghai New International Expo Centre. L’evento è organizzato dallo stesso ente che cura l’organizzazione della ProWine di Dusseldorf; si è voluto così ricreare in chiave asiatica, e con stampo ancor più internazionale, la versione europea della ProWine. Quest’anno lo spazio espositivo è aumentato del 50% data la forte richiesta registrata lo scorso anno. La ProWine CHINA 2014 permette l’ingresso soltanto ad esponenti del settore enoico, garantendo così alle aziende presenti reali e maggiori possibilità di raccogliere contatti preziosi per instaurare legami commerciali. Nella passata edizione il numero di visitatori ha raggiunto le 7.650 unità con percentuali del 43% per quanto riguarda vendita al dettaglio e supermercati, un 29% costituito da importatori e distributori, il restante 28% suddiviso tra strutture alberghiere (12%), addetti alla ristorazione (7%) produttori di vino (3%) e consulenti e manager del settore(6%). Il 56% dei visitatori (4.342 unità) proveniva da Shanghai, il 32% (2.418 unità) dal resto della Cina e il restante 12% (890 unità) dal resto del Mondo. Nella scorsa edizione gli espositori sono stati 570, provenienti da 30 paesi diversi. L’Italia si colloca al 3° posto nella classifica dei paesi più rappresentati con una quota pari al 10% preceduta soltanto da Argentina 11% e Francia 16%. Riteniamo che la ProWine China possa essere un ottimo evento fieristico per le aziende, non solo per la garanzia di uno staff organizzativo di matrice europea come la Messe Düsseldorf, ma anche per i vantaggi che una fiera alla sola seconda edizione può offrire. La Cina nel prossimo quinquennio, con l’esplosione della sua classe media, può diventare il mercato di riferimento per il settore vitivinicolo; data la sua dimensione, il paese del dragone raccoglie al suo interno decine di micromercati che potrebbero rappresentare quote di mercato enormi per le aziende medio-piccole italiane.

Logo 201302377_1_RZ_LOGO_ProWineChina_4c_Rot

La ToscanWine Group promuove la partecipazione a tale evento fieristico da parte delle aziende italiane attraverso i propri servizi che vanno dall’organizzazione e gestione tecnico-logistica pre e post fiera sino al follow up dei contatti raccolti.

Maggiori informazioni verranno prodotte attraverso i contatti diretti della ToscanWine Group.

Annunci

Hong Kong International Wine & Spirits Fair, 6-8 novembre 2014

1397204489184_en_site

Dal 6 all’8 novembre si terrà la settima edizione dell’Hong Kong International Wine & Spirits Fair 2014, evento organizzato dalla HKTDC presso l’Hong Kong Convention & Exhibition Centre – Wan Chai. Una delle principali fiere dedicate al vino e alle bevande alcoliche dell’Asia, tale evento accoglie produttori da tutto il mondo ed i visitatori, specialmente nei primi due giorni della fiera, sono esclusivamente professionisti del settore enoico, supermercati, negozi di alcolici, C-Store, catene al dettaglio, ristoranti, bar/pub, alberghi e media (infatti solo l’ultima giornata è aperta al pubblico). L’edizione del 2013 ha visto presenti 1.005 exhibitors provenienti da 40 paesi diversi, 20.452 buyers per uno spazio espositivo di 22.086 sqm. La fiera di Hong Kong rappresenta per le aziende italiane un’opportunità importante per affacciarsi ad un mercato dove i nostri prodotti non hanno ancora la considerazione che meritano, con una quota di mercato pari al 3% e dove ci collochiamo al quarto posto dopo Francia, Australia e USA; il mercato di Hong Kong è fortemente sbilanciato sui vini rossi che rappresentano infatti il 95% delle esportazioni lorde e che, visto il dominio dei vini francesi, sono principalmente costituite per il 50% dei rossi da Cabernet Sauvignon insieme a Merlot e Sirah. Hong Kong è anche un hub strategico ed una porta d’entrata verso gli altri mercati asiatici e soprattutto verso la Cina (20% del vino che arriva ad Hong Kong viene infatti riesportato in Cina), grazie ad infrastrutture, organizzazione logistica e distributiva tra le più moderne al mondo che permettono alla aziende produttrici di far circolare il proprio prodotto in Asia con estrema facilità e con tempistiche ridotte. Per comprendere a pieno l’importanza che sta acquisendo la Regione Amministrativa speciale cinese di Hong Kong nel panorama enologico internazionale, secondo le maggiori case d’asta mondiali, diventerà a breve la più grande piazza mondiale, dopo New York, per la vendita all’asta di vini pregiati. Di rilevante importanza è stata anche l’abolizione, nel 2008, dei dazi sul vino che ha visto triplicare le importazioni ed ha mantenuto solo l’imposta del 10% sulle bevande che a temperatura ambiente hanno una percentuale di alcool che supera il 30%Vol. Inoltre il 14 gennaio 2013 è stata firmata la Convenzione contro le doppie imposizioni (CDTA) tra l’Italia ed Hong Kong al duplice scopo di evitare doppie imposizioni e prevenire l’evasione fiscale sui redditi prodotti nella Regione Amministrativa speciale cinese, ratificato il 16 maggio 2014.

Logo hktdc

La ToscanWine Group promuove la partecipazione a tale evento fieristico da parte delle aziende italiane attraverso i propri servizi che vanno dall’organizzazione e gestione tecnico-logistica pre e post fiera sino al follow up dei contatti raccolti.

Maggiori informazioni verranno prodotte attraverso i contatti diretti della ToscanWine Group.

Vino contraffatto in Cina: racconto di un’indagine che ha fatto storia


1284776_etichette-450_thumb_bigRiteniamo che essere preparati per penetrare un mercato target voglia significare anche esser informati e cogliere da ogni informazione un’indicazione che possa avere riscontro pratico e utile. Troppo spesso però, in Italia, reperire informazioni mirate è, quanto meno, difficile e faticoso. Quest’articolo nasce dalla volontà di far conoscere un’esperienza che sarà utile sia per le aziende che stanno iniziando ad approcciarsi al mercato cinese, sia a coloro che già operano nel Paese del Dragone. Riteniamo la Cina uno dei paesi più promettenti per il mercato del vino, ma si devono anche conoscere le difficoltà che un mercato emergente, in forte crescita ed enorme, come questo, presenta. Il rischio contraffazione in Cina è sicuramente una problematica reale ed un anno fa’ un’indagine dell’avvocato esperto in contraffazioni, Nick Bartman, iniziata nel febbraio 2010 e conclusa ad inizio 2013, ha fatto luce sulle dinamiche che si celano dietro una bottiglia contraffatta. Poco pubblicizzato, questo prezioso lavoro ha permesso di svelare vere e proprie strutture organizzative illecite: cinesi che in Francia sceglievano le aziende più impreparate per approfittarsi di loro, produttori di vino in Cina, nella regione dello Shandong, dediti alla mistificazione collegati a tipografie nello Shenzhen che copiavano etichette straniere ed autorità locali spesso compiacenti. L’indagine parte da una visita casuale da parte dell’ Avv. Bartman alla “International Wine & Spirits Fair” ad Hong Kong e dal sospetto sollevato osservando e pedinando dei cinesi che fotografavano le bottiglie in fiera. Da quel momento ha inizio questa storia fatta da un’indagine stranamente non appoggiata dalle organizzazioni di vino dei vari paesi produttori, ma in parte autofinanziata ed in parte commissionata da un “négociant di Bayonne”, in Francia, vittima della contraffazione cinese. Con la sensazione di aver toccato sola la punta di un’iceberg, fa’ riflettere il fatto che lo stesso Avv. Bartman definisca il risultato raggiunto come “vago” causa situazioni a dir poco “losche” che sono successe al termine della sua indagine. Questo prezioso lavoro rischia di essere un colpo sparato a vuoto se non verrà data continuità all’indagine svolta. Riportiamo dunque, in basso, i link, divisi in cinque parti, sulla storia dell’Avv. Nick Bartman e del mondo della contraffazione in Cina, sperando di contribuire a formare consapevolezza anche sulle problematiche del mercato di vino più grande e sicuramente promettente al mondo.

foto-450

Link esterni:

– Parte prima

– Parte seconda

– Parte terza

-Parte quarta

– Parte quinta

Focus Cina: il “ritardo” del vino italiano nel paese del Dragone

vinocina01La Cina è sicuramente uno dei paesi asiatici con più potenzialità per quanto riguarda il comparto vino. Già oggi leader mondiale nei consumi, il paese del Dragone offrirà ancora grandi possibilità di crescita per le aziende che sapranno muoversi in tale mercato. Nonostante il nostro Paese sia il primo produttore mondiale di vino, in Cina siamo arrivati tardi: i francesi ci hanno preceduto di almeno 20 anni, con strategie di marketing mirate a insegnare che “vino” vuol dire soprattutto “Francia”, riuscendo ad indottrinare i consumatori cinesi, privi di conoscenze vinicole, ed elevando la regione del “Bordeaux” a una sorta di “La Mecca” del vino mondiale. I francesi, insomma, sono riusciti a “fare sistema”, proporsi come un unico grande “brand”, guadagnando così una fetta di mercato importante. La scelta verso i vini francesi si attesta soprattutto sulla fascia “premium”, alto prezzo ed alta qualità, ma anche in fasce di prezzo più basse l’Italia fatica ad avere la meglio su bottiglie provenienti da Australia, Cile e Spagna.

cinesi-vino-e-tasse-dimportazioneLink esterni:

– Food&beverage italiano in Cina ed i problemi del vino tricolore  nel paese del Dragone

– L’originale storia del “Freschello”, il vino italiano più venduto in Cina

– Cina leader mondiale per il consumo di vino

– Giovani enologi cinesi crescono

– Spicchi di Cina francese

– La Spagna si afferma davanti all’Italia nel mercato cinese

 

L’importanza dell’export nei paesi extra-UE

imagesEsportare verso paesi extra-UE acquisisce oggi, per una azienda vitivinicola italiana, un’importanza strategica. E’ in paesi come Cina, Korea del Sud, Vietnam, Thailandia (per focalizzarci solo sui principali paesi del continente asiatico) che si combatte per quella che diventerà la nuova frontiera del vino. Numeri importanti, mercati ancora in fase di crescita ed evoluzione, un’educazione enologica ancora scarsa, voglia delle nuove generazioni di avvicinarsi al “life style” europeo e crescente apprezzamento per i prodotti enogastronomici italiani, sono i tratti che contraddistinguono questi mercati. Nel 2013 il valore dell’export nei paesi extra-UE si attesta sui 180,6 miliardi con una crescita del 46% rispetto al 2009 e con un aumento del 1,3% rispetto al 2012. Inoltre il 2013 è stato l’anno record per l’export agroalimentare italiano con 33 miliardi, di cui 5 miliardi dal vino. Un valido esempio di come possa influire positivamente sul fatturato di una azienda un’azione verso questi nuovi mercati è rappresentato dalla famiglia Bisol (Viticoltori in Valdobbiadene): non solo USA, Sud America, Cina, Russia, India, ma anche Puerto Rico, Caraibi, Oceania, Bermuda, Cambogia, Vietnam ed ex-Birmania con un giro d’affari che sfiora i 18 milioni, in crescita del 20%.

(Fonte dati: IlSole24ore, impresa e territorio del 24 gennaio 2014)

China's reports 7.2-per-cent export growth in August

Link esterni:

– Export di vino nel 2013 si attesta sui 5 miliardi

– I paesi emergenti, tra problemi e crescita, rimangono una priorità