Seoul International Wines & Spirits Expo, 23-24-25 aprile 2015

 

SeoulInternationalWine&SpiritsExpo2015

Dal 23 al 25 aprile 2015 si terrà a Seoul presso il COEX, la tredicesima edizione del Seoul Wine & Spirits Expo 2015; l’evento più importante dedicato al vino in Corea del Sud.

La partecipazione a questa Fiera è un fondamentale tassello per aprirsi la strada e consolidare la propria presenza nel mercato coreano per le aziende vitivinicole italiane. L’evento fieristico è organizzato dalla KWSIA, l’organizzazione degli importatori coreani del settore Wine&Spirits, e già questo elemento fa intuire la specificità e l’importanza dell’evento. Per i primi due giorni l’accesso è riservato ad operatori del settore, soltanto l’ultimo giorno è aperto a tutti. Nella scorsa edizione erano presenti più di 200 exhibitors, in rappresentanza di 18 Paesi, per uno spazio occupato pari a 7.776 mq.

L’Italia era il terzo paese in termine di presenza con 18 booths, superato solo da Corea e Spagna. I buyers certificati sono stati ben 5.695 (su un totale di circa 20.000 persone, con un picco di presenze ovviamente nell’ultimo giorno), suddivisi tra importatori diretti di vino, circa il 14%, ristoratori 19%, esponenti di supermercati e retail con il 10%, esponenti del settore alberghiero con l’8%, ed il restante suddiviso tra spirits importer, bar, personalità governative e stampa.

Logo_x_articolo download logo 

La ToscanWine Group promuove la partecipazione a tale evento fieristico da parte delle aziende italiane all’interno del proprio brand Giro di Vite. 

La partecipazione collettiva all’interno di Giro di Vite permette di ridurre l’investimento per azienda, garantisce sia la complementarità dei prodotti da aziende di varie regioni italiane, sia una serie di servizi che vanno dall’organizzazione e gestione tecnico-logistica pre e post fiera, fino ad un attento follow up dei contatti.

Maggiori informazioni verranno prodotte attraverso i contatti diretti della ToscanWine Group.

Annunci

Wine & Gourmet Japan, 15-17 aprile 2015

meat-industry-00057_fabex_2015_wine_gourmet_meat_fair_banner

La Wine & Gourmet Japan 2015 è uno degli eventi di maggior rilievo del settore in Giappone ed è giunta alla sua sesta edizione.

L’evento fieristico permette l’ingresso soltanto ad esperti del settore, garantendo così alle aziende presenti reali e maggiori possibilità di raccogliere contatti preziosi per instaurare legami commerciali. Nella scorsa edizione il numero di espositori era di 181, con 103 exhibitors internazionali in rappresentanza di ben 22 paesi.

Nella passata edizione il numero di visitatori ha raggiunto ben 74.000 unità, un numero così alto è spiegabile anche attraverso la presenza non solo del Wine&Spirits, ma anche del Food. Nella quinta edizione ben il 26,30% dei visitatori erano importatori e distributori, il 23,5% esponenti di hotel, ristoranti e fast food, il 14,4% dettaglianti e il resto dei visitatori diviso tra personalità governative, stampa, esponenti dell’e-commerce ed altro.

Il Wine & Gourmet Japan 2015 può essere un evento perfetto per inserirsi in un mercato importante come quello del Sol Levante, considerando sopratutto che il Giappone è il secondo paese in Asia per quanto riguarda l’importazione di vino italiano ed uno dei Paesi che più nel mondo apprezza la qualità dei nostri prodotti.

Logo_x_articolo Wine&GourmetJapan logo

La ToscanWine Group promuove la partecipazione a tale evento fieristico da parte delle aziende italiane all’interno del proprio brand Giro di Vite. 

Organizzazione e gestione tecnico-logistica pre e post fiera, materiale promo, gestione campionature, traduttrici, report fotografico e follow up dei contatti sono solo alcuni dei servizi offerti alle aziende italiane da Giro di Vite, in un’ottica di investimento mirato, economico e funzionale.

Maggiori informazioni verranno prodotte attraverso i contatti diretti della ToscanWine Group.

OCM Vino 2014-2015 Paesi Terzi: Piemonte, apre ai progetti multiregionali

regione piemonte logoE’ uscito il DD n. 527 del 12/06/2014 della Regione Piemonte circa le specifiche del bando OCM Vino Paesi Terzi 2014-2015. I progetti dovranno essere del valore minimo di 100.000 euro per Paese terzo o Area ed i progetti potranno avere lunghezza massima pari ad un anno. I produttori a cui si rivolge la misura dovranno confezionare almeno il 25% della produzione totale o imbottigliare 600.000 bottiglie ed avere una quota export non inferiore al 5%. Per quanto riguarda i consorzi di tutela, dovranno rappresentare almeno il 3% della produzione regionale ed i loro progetti potranno avere un valore massimo pari a 6.000.000 euro per progetto. Le associazioni di produttori invece potranno presentare progetti del valore massimo pari a 2.000.000 euro. I consorzi di tutela e le associazioni di produttori, inoltre, potranno presentare per la stessa annualità più progetti, ma rivolti a Paesi terzi diversi e in compartecipazione con aziende diverse. Le domande dovranno pervenire entro e non oltre le ore 14.00 del 7 luglio 2014.

Link esterni:

– Regione Piemonte,  DD n. 527 del 12/06/2014

OCM Vino 2014-2015 Paesi Terzi: Marche, solo progetti di durata annuale

regionemarcheE’ uscita il 26 maggio 2014 la Deliberazione n°632 della Regione Marche circa il  bando OCM Vino Paesi Terzi 2014-2015. La misura è rivolta a consorzi rappresentativi di almeno il 3% della produzione regionale, desunta dalla media delle produzioni dichiarate nel triennio precedente dai soggetti tenuti alla presentazione delle dichiarazioni di produzione vitivinicole. I produttori e loro organizzazioni devono procedere al confezionamento di almeno il 25% della produzione o imbottigliare almeno 300.000 bottiglie ed esportare almeno il 5% del totale della produzione. Tale percentuale deve risultare dalla presentazione dei libri contabili riferiti agli ultimi tre esercizi accompagnati da idonea documentazione fiscale. Sia consorzi che produttori e loro organizzazioni possono presentare più progetti per una stessa annualità, ma in Paesi terzi diversi e con aziende partecipanti diverse. I progetti potranno avere solo durata annuale e per un valore minimo di 100.000 euro; inoltre le aziende non potranno presentare programmi di promozione superiori al 20% del volume d’affari riscontrato nell’ultimo bilancio approvato. Le domande dovranno pervenire entro il 27 giugno 2014.

Link esterni:

– Regione Marche, Deliberazione n°632 del 26 maggio 2014

OCM Vino 2014-2015 Paesi Terzi: Friuli Venezia Giulia, apre ai progetti multiregionali con un massimo di cinque regioni

friuli-venezia-giuliaE’ uscito il 30 maggio 2014 la Delibera n°984 della Regione Friuli Venezia Giulia che organizza gli aspetti specifici della misura OCM Vino Paesi Terzi 2014-2015. I progetti di promozione potranno avere solo durata annuale e si accolgono progetti multiregionali con un massimo di cinque regioni partecipanti al programma di promozione e con un costo massimo consentito pari a 4.000.000 euro. Si riservano 300.000 euro per progetti in cui la Regione Friuli Venezia Giulia sia capofila e 200.000 euro per quelli in cui non lo sia. La Regione assegna una premialità specifica ai progetti presentati da Consorzi di tutela e che promuovono almeno uno dei vini a denominazione di origine Prosecco DOC, Vitovska, Malvasia, Terrano e Glera, Consorzi di tutela le cui consorziate sono PMI, progetti che coinvolgono una pluralità di aziende partecipanti, progetti che prevedono la promozione di vini provenienti da almeno 5 vitigni autoctoni. I progetti dovranno pervenire entro e non oltre le ore 12.00 del 25 giugno 2014.

Link esterni:

– Regione Friuli Venezia Giulia, Delibera n°984 del 30 maggio 2014

OCM Vino 2014-2015 Paesi Terzi: Veneto, apre ai progetti multiregionali

downloadE’ uscito in data 30 maggio 2014, all’interno del BUR. n°55, il bando della Regione Veneto circa la misura OCM Vino Paesi Terzi 2014-2015. I beneficiari, che siano produttori singoli o in forma associativa od anche consorzi, per accedere a tale misura dovranno aver esportato almeno il 5% della loro produzione. Vi sono due “linee di spesa”: la prima, mira ad “azioni di promo-commercializzazione”, la seconda, invece, rivolta ai soli consorzi di tutela e loro forme associative, mira a svolgere “azioni di denominazioni precompetitive” della denominazione rappresentata dal soggetto proponente. Il progetto, che deve avere durata di un anno, per quanto riguarda la prima “linea di spesa”, non può avere un valore maggiore a 1.000.000 euro per beneficiario, mentre, per la seconda, questo limite massimo per beneficiario è ridotto a 400.000 euro. Per entrambe le “linee di spesa” il valore minimo di un progetto deve essere pari a 100.000 euro. Ci sono dei criteri di ammissibilità per quanto riguarda le Ati tra produttori per cui, per azienda, il costo minimo da sopportare debba essere di almeno 2.500 euro; inoltre la seconda “linea di spesa” è praticabile solo dai consorzi di tutela attraverso una determinazione del contributo massimo erogabile che si lega alla produzione certificata del 2013 per denominazione di competenza. Le domande devono pervenire entro e non oltre le ore 17.00 del 30 giugno 2014 per quanto riguarda i progetti regionali, entro e non oltre le 17.00 del 23 giugno 2014, per quelli multiregionali.

Link esterni:

– Regione Veneto, BUR. n°55 del 30 maggio 2014

OCM Vino 2014-2015 Paesi Terzi: Lazio, consentiti progetti di durata massima 3 anni

regione-lazioE’ uscito, il 27 maggio 2014, il DGR 301 che determina le caratteristiche del nuovo bando OCM Vino Paesi Terzi 2014-2015. Anche qui risulta confermato il limite minimo dei 100.000 euro per progetto, con possibilità di proporre progetti multiregionali. I consorzi dovranno rappresentare almeno il 3% della quota di produzione regionale ed i singoli produttori confezionare almeno il 25% della propria produzione o imbottigliare almeno 100.000 bottiglie; quest’ultimi devono avere anche una quota export in relazione alla loro produzione pari almeno al 5%. La scadenza per la presentazione delle domande regionali è entro e non oltre le 14.00 de 30 giugno 2014.

Link esterni:

– Regione Lazio, DGR 301 del 27 maggio 2014