Seoul Int’l Wines&Spirits Expo 2016

A chiusura degli eventi in programma nel mese di Aprile, il team di Giro di Vite sarà presente per la seconda volta consecutiva alla quattordicesima edizione della Seoul International Wines&Spirits Expo che si terrà a Seoul dal 21 al 23 Aprile.

21-23-aprilie-seul

Tale manifestazione fieristica rappresenta il più importante evento dedicato al mondo vinicolo in Corea del Sud. La scorsa edizione ha visto la partecipazione di 251 aziende in 302 booth da 17 paesi differenti, di cui 101 produttori, 41 importatori di vino.

I visitatori sono stati 21.272 di cui 6.093 esperti del settore tra importatori, distributori, canale HoReCa ecc…

L’Italia nella tredicesima edizione è stata rappresentata da quindici aziende produttrici di vino provenienti da varie regioni italiane e si è percepita una grande attenzione da parte dei visitatori per il vino italiano. I nostri prodotti vengono percepiti come qualitativamente importanti, ma troppo spesso il gran numero di tipicità presenti nel nostro territorio rappresentano un’arma a doppio taglio: se da una parte attira e attrae gli importatori asiatici, dall’altra li disorienta. La nostra grande varietà giocherà sempre di più un ruolo importante nei mercati emergenti con il progressivo aumento di conoscenza del vino da parte delle nostre controparti asiatiche, ma occorrerà un lavoro di comunicazione che introduca con chiarezza e semplicità le nostre innumerevoli tipicità.

Giro di Vite_piccolo

La ToscanWine Group con il suo export brand Giro di Vite sarà presente per la seconda volta consecutiva in una fiera che è stata, nella sua passata edizione, una piattaforma funzionale per incontrare validi interlocutori coreani, in particolare importatori e wine educator.

Logo01-05_logo

Per saperne di più circa l’evento in oggetto e sui progetti della ToscanWine Group, si prega di contattarci ai recapiti che troverete nella sezione “contatti“.

Annunci

Incontro con Stephane Son, sommelier e wine educator sudcoreano

20150426_212903Durante la nostra presenza in Corea del Sud in occasione della Seoul International Wines&Spirits Expo 2015, abbiamo avuto il piacere di conoscere un’importante personalità coreana, il Prof. Stephane Son, sommelier ed esperto wine educator coreano che ha scritto ben tre libri in cui recensisce, per gli amanti del vino in Corea del Sud, vini da tutto il mondo. Ecco in basso la foto di uno dei suoi libri in cui recensisce ben trecento etichette.

20150426_224243

Lo abbiamo conosciuto presso il nostro booth, incuriosito dalle diverse tipicità che presentavamo ed abbiamo poi organizzato presso il ristorante Merlot, wine restaurant tra i più famosi di Seoul, una cena con degustazione delle nostre etichette. In occasione della cena abbiamo aperto il Gamay DOC dell’azienda valdostana La Crotta di Vegneron, il Fiano IGP “Verzì” dell’azienda campana Femìa ed il Chianti Montalbano Riserva dell’azienda toscana Betti.

20150426_200000 20150426_195243 20150426_195953

Le altre bottiglie sono state offerte al Prof. Son in quanto le andrà a degustare durante una delle sue lezioni con sommelier ed appassionati di vino coreani, con seguente recensione on-line dei vini stessi. La serata è stata molto piacevole ed un’occasione preziosa per capire ancor meglio la realtà di un mercato interessante come quello coreano dalle parole di chi è coreano e soprattutto parla di vino in Corea del Sud.

20150426_202609 20150426_195221

Tra i tanti temi affrontati, interessante è stato capire come il Prof. Son ritenga che ci sia un grande futuro nel suo Paese per i vini italiani: i dati concreti parlano di 500 ristoranti a Seoul che cucinano italiano o a cui piace cucinare italiano e, secondo il professore, il 50% dei ristoranti in Corea del Sud sono italiani. Ritiene anche che il nostro vino in Corea sia legato all’idea di un prodotto che nasce dalla tradizione, qualità unita ad una profonda cultura enologica che caratterizza il nostro Paese; diversamente il vino francese si lega più al concetto di lusso, ad un’immagine da VIP ed al concetto di esclusività, mentre i vini australiani, cileni, spagnoli sono percepiti come il compromesso migliore in relazione al rapporto qualità-prezzo.

20150426_215519

Da questo incontro abbiamo avuto ancora una volta conferma di quanto sia fertile questo mercato per le nostre aziende vitivinicole: c’è voglia di capire, conoscere, scoprire ciò che la nostra terra ed i nostri produttori possono offrire e soprattutto voglia di comunicarlo nel proprio paese. Per questo motivo riteniamo strategicamente importante legare con persone che possono comprendere e divulgare quello spaccato d’Italia del vino che il brand Giro di Vite vuole far conoscere ed apprezzare.

Giro_di_Vite_definitivo_

In tale ottica, per la prossima tappa a Seoul, abbiamo già programmato con il Prof. Son una degustazione dei vini che rappresentiamo con sommelier ed esperti del settore al fine di continuare il lavoro di divulgazione e promozione delle nostre eccellenze.

 

Giro di Vite alla Seoul International Wines&Spirits Expo 2015

SeoulInternationalWine&SpiritsExpo2015Si è concluso da poco l’evento fieristico più importante per il settore beverages in Corea del Sud, la Seoul International Wines&Spirits Expo, che ha avuto luogo nella capitale coreana dal 23 al 25 aprile 2015.

Giro di Vite ha partecipato a tale evento con sei aziende italiane provenienti da cinque regioni diverse d’Italia, riuscendo così a proporre ben 17 etichette, espressioni diverse di tipicità del panorama vitivinicolo italiano, l’una complementare all’altra: La Crotta di Vegneron (Valle d’Aosta), Cantina Donini (Umbria), Azienda Vitivinicola Bresciani (Lombardia), Azienda Agricola Femìa (Campania), Ca’ Di Frara (Lombardia), Società Agricola Betti (Toscana).

20150422_102621 - Copia 20150423_110801

20150422_102633 - Copia 20150423_110718

20150423_121036 

IMG-20150504-WA0018

IMG-20150504-WA0033

Per l’occasione ha preso vita un nuovo progetto targato ToscanWine Group: WineHeArt.

Con tale brand, si cerca di legare assieme arte e vino, con la volontà di proporre al pubblico un qualcosa che attiri, attragga, diverta, ma soprattutto di proporre qualcosa di unico. E’ stata dunque presentata la collezione di Aleandro Roncarà featuring Cantina Donini, la pop-art che abbraccia dell’ottimo barbera umbro ed un vino liquoroso di straordinaria intensità, sempre ottenuto dalle viti dell’azienda di Diego Donini. La collezione è composta da cinquanta pezzi, di cui solo due opere sono state esposte al Coex di Seoul.

Copia di Pannello_50_70 

IMG-20150504-WA0013

IMG-20150504-WA0011

L’evento fieristico ha visto un’ottima affluenza di esperti del settore e grande interesse è ruotato intorno al nostro stand; la ToscanWine Group, con il suo brand, era al lavoro con Matteo Mangoni e Niccolò Ruggiero, coadiuvati dal prezioso aiuto del traduttore coreano Filippo Oh, coreano di nascita, ma italiano d’adozione (dato che ormai è dieci anni che vive e lavora in Italia nel mondo del vino) ed ottimi sono stati i risultati raggiunti al termine dell’importante manifestazione coreana.

In seguito ai contatti avuti in fiera, nei giorni successivi, si sono svolti incontri sia con importatori che con wine educators coreani: è importante infatti, per la nostra strategia di approccio ai mercati asiatici, intrecciare rapporti con persone che “parlano di vino” nei Paesi target, in modo tale da farsi conoscere, far conoscere e degustare insieme i prodotti che grazie al loro lavoro di divulgazione potranno raccogliere interesse intorno a loro.

Nasce il nuovo brand targato ToscanWine Group: WineHeArt

Copia di WineheArt_logo_defLa ToscanWine Group è lieta di annunciare un nuovo progetto nato dalla volontà di creare un connubio tra Arte e Vino: WineHeArt.

La nostra idea ruota attorno all’aspetto dinamico del processo creativo sia del Vino che dell’Arte: il Vino è strettamente legato alle condizioni climatiche, alla Natura che nel suo divenire caratterizza in modo unico un’annata rispetto ad un’altra; l’Arte, invece, è strettamente legata al processo creativo dell’artista, frutto della sua creatività, abilità, del suo stato emozionale, delle sue esperienze, il tutto contestualizzato nella società del suo tempo.

Vi è la volontà di creare un luogo di incontro tra un artista contemporaneo ed un produttore di vino, di legare assieme queste due differenti forze creative in un unico e prezioso oggetto d’arte.

WineHeArt sceglierà di volta in volta l’artista e la cantina con cui collaborare e con essi lavorerà per creare una collezione limitata di bottiglie d’arte; seguirà poi la realizzazione di etichette d’arte con un tono più commerciale che verranno promosse e commercializzate attraverso i canali della ToscanWine Group.

In Corea del Sud, a Seoul, in occasione della Seoul International Wines&Spirits Expo 2015, è stata presentata la prima collezione di WineHeArt:

Copia di Pannello_50_70 

Aleandro Roncarà, artista toscano di pop-art, ha creato una collezione di cinquanta opere d’arte, di cui due sono state esposte presso il nostro booth in occasione dell’evento fieristico di Seoul, e la Cantina Donini, azienda umbra, ha fatto parte di questo progetto con il suo eccellente barbera umbro ed il suo sorprendente vino liquoroso. Il packaging è stato creato selezionando una Bordolese Imperiale Alta Extra, per il rosso, ed una Bordolese Demi, per il vino liquoroso, sigillate con la gomma-lacca e le scatole sono state realizzate con legno di botti di rovere invecchiate grazie alla maestria di un abile artigiano fiorentino.

Il tutto per creare una linea esclusiva, espressione di ciò che l’Italia del vino e dell’artigianato può creare, elevati ed impreziositi dall’Arte di Aleandro Roncarà.

Ecco i due esemplari esposti in Corea del Sud:

Presentazione

DSC_0608

DSC_0563

DSC_0600 DSC_0606

DSC_0592

A breve…la realizzazione delle etichette d’arte.

Giro di Vite a Seoul (23-24-25 aprile 2015): aziende partecipanti

SeoulInternationalWine&SpiritsExpo2015La ToscanWine Group parteciperà alla Seoul International Wines&Spirits Expo 2015, che si svolgerà a Seoul dal 23 al 25 aprile 2015, con il suo brand Giro di Vite.

La cerimonia di inaugurazione si svolgerà il 23 aprile alle ore 14.00 e solamente il 25 aprile l’evento fieristico sarà aperto anche al pubblico.

Il booth di Giro di Vite sarà all’interno dell’area ICE ed esattamente il G-16.

Ecco le aziende che saranno presentate e rappresentate:

La Crotta di Vegneron (Val d’Aosta)

LOGO LA CROTTA DI VEGNERON

Cantina Donini (Umbria)

logo_da_sito

Ca’ di Frara (Lombardia)

logo CA' DI FRARA  Viticoltori dal 1905 png

Azienda Vitivinicola Bresciani (Lombardia)

images

Fattoria Betti (Toscana)

download (1)

Azienda Agricola Femìa (Campania)

logo-femia

Le aziende italiane a Seoul saranno in totale solamente undici e Giro di Vite rappresenterà il gruppo più numeroso con prodotti che importatori e distributori coreani potranno degustare solo presso il nostro booth.

Avremo a disposizione uno stand angolare e per una maggiore efficacia espositiva arricchiremo lo stand stesso con grafiche e materiale informativo realizzato “ad hoc”.

Avremo inoltre un interprete coreano a nostra disposizione per l’intera durata dell’evento fieristico, sia per il lavoro in Fiera, che al di fuori dalla fiera, dunque anche in occasione di degustazioni private, incontri e cene con importatori e distributori coreani.

SeoulInternationalWine&SpiritsExpo2015 logo

 

 

 

 

 

Seoul International Wines & Spirits Expo, 23-24-25 aprile 2015

 

SeoulInternationalWine&SpiritsExpo2015

Dal 23 al 25 aprile 2015 si terrà a Seoul presso il COEX, la tredicesima edizione del Seoul Wine & Spirits Expo 2015; l’evento più importante dedicato al vino in Corea del Sud.

La partecipazione a questa Fiera è un fondamentale tassello per aprirsi la strada e consolidare la propria presenza nel mercato coreano per le aziende vitivinicole italiane. L’evento fieristico è organizzato dalla KWSIA, l’organizzazione degli importatori coreani del settore Wine&Spirits, e già questo elemento fa intuire la specificità e l’importanza dell’evento. Per i primi due giorni l’accesso è riservato ad operatori del settore, soltanto l’ultimo giorno è aperto a tutti. Nella scorsa edizione erano presenti più di 200 exhibitors, in rappresentanza di 18 Paesi, per uno spazio occupato pari a 7.776 mq.

L’Italia era il terzo paese in termine di presenza con 18 booths, superato solo da Corea e Spagna. I buyers certificati sono stati ben 5.695 (su un totale di circa 20.000 persone, con un picco di presenze ovviamente nell’ultimo giorno), suddivisi tra importatori diretti di vino, circa il 14%, ristoratori 19%, esponenti di supermercati e retail con il 10%, esponenti del settore alberghiero con l’8%, ed il restante suddiviso tra spirits importer, bar, personalità governative e stampa.

Logo_x_articolo download logo 

La ToscanWine Group promuove la partecipazione a tale evento fieristico da parte delle aziende italiane all’interno del proprio brand Giro di Vite. 

La partecipazione collettiva all’interno di Giro di Vite permette di ridurre l’investimento per azienda, garantisce sia la complementarità dei prodotti da aziende di varie regioni italiane, sia una serie di servizi che vanno dall’organizzazione e gestione tecnico-logistica pre e post fiera, fino ad un attento follow up dei contatti.

Maggiori informazioni verranno prodotte attraverso i contatti diretti della ToscanWine Group.