Riflessioni a conclusione del Vinitaly 2014

Vinitaly_2014Ormai da una diecina di giorni si è conclusa la 49° edizione di Vinitaly.

E’ tempo di bilanci: si riprendono in mano appunti, biglietti da visita, si cerca di riordinare contatti e approfondirli.

La ToscanWine Group ha promosso, in tale occasione, il progetto incentrato sulla partecipazione da parte delle aziende vitivinicole italiane al bando OCM 2014 Paesi Terzi in imminente uscita. Ottimo è stato il riscontro che si è trovato, a conferma che l’export, oggi come oggi, è sempre più una tematica importante e di rilievo, imprescindibile in un’ottica di crescita nel lungo periodo, oltretutto se il 50% dell’investimento in azioni di promozioni in un paese target sono cofinanziate dall’Europa a fondo perduto.

Matteo e Niccolò, i due cofondatori della ToscanWine Group, hanno potuto confrontarsi con i tanti imprenditori agricoli presenti alla fiera veronese, provenienti da ogni parte d’Italia: l’obiettivo che si erano preposti di raggiungere non era solo promuovere un prodotto, ma con sensibilità e attenzione ascoltare quelle che erano le sensazioni, le necessità e le problematiche percepite da coloro che non investono solo denaro, ma l’intera loro vita nell’azienda.

La miriade di piccole e medie aziende che popolano il nostro meraviglioso Paese sono in gran parte imprese familiari, dove spesso una sola figura raccoglie responsabilità logistiche, gestionali e commerciali di più mercati che nelle grandi aziende sono suddivise in più manager; persone che purtroppo troppo poco spesso sono realmente aiutate nel modo giusto da quelle strutture organizzative ormai calcificate e poco elastiche alle esigenze di un mondo che viaggia a velocità sempre più crescente.

Andare incontro alle esigenze di tali realtà vitivinicole, guidarle in investimenti e mercati da affrontare, unirle in modo tale da avere più forza e possibilità di successo: risiede qui la chiave per crescere.

ToscanWine Group ha dunque così trovato riscontro reale a quelli che erano pensieri su cui costruire progetti e soluzioni per la medio-piccola impresa vitivinicola italiana, il nostro vero tesoro enologico.

vinitaly-2014-1

IMG_2815

IMG_2934

IMG_2812

IMG_2809

IMG_2947

Niccolò Ruggiero al lavoro al Vinitaly 2014.

Matteo Mangoni al lavoro al Vinitaly 2014

Matteo Mangoni al lavoro al Vinitaly 2014.

Complimenti all’azienda agricola Luigi Tacchino, Alessio e Romina Tacchino hanno ideato uno stand efficace per semplicità ed eleganza: una foto del nonno Luigi che sembra raccontare una storia fatta di fatica, gioie e passioni ed il marchio aziendale in evidenza sulle due pareti nere laterali, punteggiate a ritmo regolare dalle bottiglie dell’azienda piemontese.

Complimenti allo stand dell'az. agr. piemontese Luigi Tacchino, semplicità ed eleganza.

Lo stand dell’azienda agricola Luigi Tacchino con Alessio e Romina.

IMG_2963

Semplicità ed eleganza che ritroviamo anche nelle etichette dell’azienda Luigi Tacchino.

IMG_2961

 

Annunci

ToscanWine Group al Vinitaly 2014

51f65ed803d3d72441000002_53202f8e03d3d7e846000009Vinitaly 2014, 6-7-8-9 aprile 2014. Queste le date in cui si terrà a Verona il consueto appuntamento annuale con la massima fiera italiana del comparto vitivinicolo del nostro paese.

ToscanWine Group parteciperà con la volontà di far conoscere alle aziende italiane il progetto riguardante il “Bando OCM VINO 2014 Paesi Terzi” che sta portando avanti assieme alla collaborazione preziosa di GMedia Group con la propria divisione h2obrain, esperta in processi di internazionalizzazione.

Riteniamo che l’export nei grandi mercati mondiali sia una grande occasione di crescita per le nostre aziende vitivinicole. Occorre prepararsi per affrontare una realtà nuova, caratterizzata dall’alta competitività di nuovi paesi produttori e dalla nascita di nuove mete ricche di opportunità per il nostro vino.

Riuscire a penetrare efficacemente mercati importanti con la giusta strategia d’entrata e arrivare in anticipo rispetto ai propri competitors in mercati emergenti, sono obiettivi per cui bisogna “conoscere”, “prepararsi”, “investire”, “organizzarsi”:

conoscere le peculiarità non solo di un mercato, ma di un ambiente spesso anche molto diverso dal nostro; preparare un piano strategico d’azione mirato; investire in attività funzionali in base alle caratteristiche del paese target; organizzarsi per gestire e consolidare un flusso commerciale internazionale. 

ToscanWine Group si propone di aiutare le aziende vitivinicole italiane a partecipare al bando “OCM VINO 2014 Paesi Terzi” finalizzato alla promozione del vino in un paese extra-UE, redigendo la domanda di accesso al progetto OCM, accompagnando l’impresa nella fase di realizzazione del programma di promozione e gestendo il flusso commerciale generato successivamente all’interno del paese target.

Inoltre, grazie alla sinergia tra ToscanWine Group e GMedia Group, con la propria divisione h2obrain (www.h2obrain.it), abbiamo la possibilità di curare al nostro interno ogni esigenza e necessità: assistenza legale e burocratica, sviluppo prodotto, comunicazione, design, promozione e commercializzazione dei prodotti. 

Non basta più la semplice elevata qualità del prodotto italiano per entrare in un mercato e consolidarne le vendite. Il panorama competitivo mondiale è cresciuto ed occorre “qualità” anche nel progetto di esportazione.

Utilizzare bene i contributi elargiti permette di creare un reale vantaggio competitivo nei confronti di chi non accede a tali fondi e di chi, vi accede, ma all’interno di una struttura più ampia dove ricopre solo un ruolo secondario da un punto di vista di scelte strategiche che spesso non coincidono con il proprio modello aziendale.

images xp130426045423

 

Link esterni:

– A breve l’uscita del Bando OCM Vino 2014 Paesi Terzi

– OCM Vino: la legislazione